Fondi hedge, gestore rinuncia: colpa di Merkel


Louis Bacon, leggendario fondatore di Moore Capital Management, restituisce 2 miliardi agli investitori: “Sono a corto di idee. Caos politico che non si vedeva dal Dopoguerra”.

New York – Il leggendario fondatore di Moore Capital Management getta la spugna. Louis Bacon, che vanta una fortuna di $1 miliardo 400 milioni, ha detto che il contesto macroeconomico sta rendendo la vita impossibile al suo fondo hedge.

Il veicolo di investitimento di Bacon, uno dei maggiori hedge fund di successo al mondo, ha perso il 3,2% nel secondo trimestre.

Bacon non e’ riuscito a trovare un’idea di investimento che potesse consentire di guadagnare soldi in un periodo di forte volatilita’ e di turbolenze in Europa, quindi ha preferito smettere.

“Il contesto politico e’ talmente estremo. Non si vedevano questo condizioni dal Dopoguerra. E’ incredibile quanto sia importante per i mercati mondiali la decisione presa da una sola persona, Angela Merkel”, ha detto Bacon al New York Times.

Gestisce $14 miliardi di asset e chiede una commissione del 3% sulle operazioni e del 25% sulla performance. Sono cifre un po’ piu’ care della media dell’industria che e’ del 2% e 20% rispettivamente.

Il Times fa notare che restituendo i 2 miliardi indietro Bacon accetta di perdere entrate e commissioni basate sulla performance del fondo. Dalla sua creazione nel 1989 il veicolo portabandiera del gruppo, Moore Global Investments, ha permesso agli investitori di incassare in media profitti del 18,8% l’anno.

Advertisements